PALLANUOTO PESARESE ANCORA IN KO

Un’altra brutta prestazione, quella di sabato 30 Marzo al parco della pace per i guerrieri pesaresi contro i perugini del Griphus, che chiudono il decimo incontro del campionato di serie c con una clamorosa sconfitta per 2-3.

“Si è vista ancora una squadra contratta che sbaglia tanto nella fase conclusiva del gioco che non riesce ad andare a rete -dice il tecnico Daniele Sammaritani-. Con uno zero su cinque nel uomo in più, non si possono vincere le partite di pallanuoto. La formazione è la stessa che ad inizio campionato ha imposto un buon gioco ottenendo buoni risultati e il mio lavoro sarà quello di ritrovare lo stesso ritmo e la stessa motivazione che c’era in precedenza.”

Assenza importante, è stata quella del capitano Andrea Sartini, uno dei pilastri di questa formazione e giocatore d’esperienza che però non giustifica affatto il brutto risultato dell’incontro. Un ottima prestazione arriva invece dal giovanissimo Alberto Mezzanotti, classe 2002 che si è distinto nella fase difensiva con recuperi di palla in azioni pericolose.

Oltre a confermare la buona prestazione di Mezzanotti, Alberto Romani, giocatore d’esperienza, analizza lo stato d’animo della squadra in maniera più dettagliata.

“Sicuramente la partita di sabato è stata molto negativa, perché perdere in casa contro una squadra nettamente inferiore della nostra è un segnale che qualche problema c’è.

In questo momento siamo in un periodo difficile; siamo ben allenati ma mentalmente non ci siamo. L’obbiettivo di quest’anno era inserire i giovanissimi nel campionato di serie c e probabilmente fino ad ora abbiamo lavorato poco per questo inserimento. Abbiamo sempre giocato con un sette titolari abbastanza collaudato ma a seguito di infortuni e influenze varie, i giovani sono stati inseriti forse causando traumi nel equilibrio della squadra, nonostante a mio avviso si stiano comportando veramente bene e lo dimostra la bella prestazione di Mezzanotti. Dobbiamo semplicemente renderci conto che quest’anno non possiamo avere grandi ambizioni come potevano esserci la stagione passata, ma questo è un anno dove dobbiamo lavorare per integrare al meglio i giovani e quindi non avere pretese sui risultati. Dedichiamo quest’anno di lavoro intenso per poi trarre giovamento già da un prossimo anno!!! Credo che il problema sia questo….. dobbiamo scendere in vasca più sereni e aiutare la crescita di chi sta entrando a far parte della prima squadra.”

Nella domenica delle giovanili , i protagonisti sono i giovani u15 che battono i pari età della Jesina pallanuoto senza problemi con il risultato di 17-8.

Fino a giugno, la società Usd Pallanuoto Pesarese, apre le porte della piscina a tutti coloro con un minimo di capacità natatoria, per la prova gratuita della durata di due settimane, dove verranno selezionati i ragazzi nati tra gli anni 2005 e 2008 compresi, per instradarli in questo fantastico sport di squadra.